Il 24 gennaio 1979, quando molti di noi non erano che piccoli e sputazzanti quattrozampe col pannolino o addirittura barlumi di idee in testa a dei futuri mamma e papà, a Genova veniva ucciso dalle Brigate Rosse un operaio dell’Italsider, sindacalista della CGIL ed iscritto al PCI. Si chiamava Guido Rossa, e fu il primo sindacalista ammazzato dai brigatisti, che gli spararono sei colpi poco dopo le sei del mattino, aspettandolo dentro ad un furgone parcheggiato dietro alla sua auto: quattro colpi alle gambe poi, quando Rossa riuscì ad entrare in macchina, altri due al torace. Un omicidio—ma all’inizio, pare, doveva essere “solo” una gambizzazione—che doveva servire da avvertimento. Il sindacalista infatti fu considerato dai terroristi colpevole di “delazione” per aver denunciato un suo compagno di fabbrica, tale Francesco Berardi (poi morto suicida in carcere), scoperto a distribuire voltantini inneggianti alle BR.

Su Guida Rossa, figlio del proletariato, operaio vecchio stampo, appassionato alpinista, fotografo e pittore per diletto, sono stati scritti innumerevoli articoli e diversi saggi (a chi volesse approfondire consiglio una vecchia puntata de La storia siamo noi e come lettura fondamentale Il brigatista e l’operaio, di Giovanni Bianconi, Einaudi 2011) ma oggi, dopo tanti anni, per la prima volta il sindacalista appare in veste di personaggio in un romanzo—anomalo nel ritmo e nella trama—che si intitola Genova Paranoica.
L’autore è Emanuele 
Habanero Podestà ed è uscito lo scorso maggio per la piccola casa editrice romana L’Erudita.

The book, completing a tour including some Italian cities, was the headline in a reading in Bologna on the 13th June at the MIROgallery. Wu Ming 2 and Max Collini from OfflagaDiscoPax participated at the event as well as the author. During the evening, organised in collaboration with Habanero and MIROarchitetti, was an exhibition of Genoese comic artist Paolo ‘Immaginario’ Cattaneo’s original pencil drawings.

QUANDO: 13 giugno 2013 | 21,30
DOVE: MIROgallery | cortile di via Sant’Apollonia 25, Bologna | mappa | facebook